Info e contatti EPP

sito web del corso

Presidente
Prof. Mario Forni
tel.: 059 205 6851
fax: 059 205 6947
e-mail: mario.forni@unimore.it

Delegato per le Attività di Tutorato
Dott.ssa Lara Liverani
tel.: 059 205 6913
fax: 059 205 6917
e-mail: info.economia@unimore.it

Assicurazione Qualità

Corso di laurea magistrale in Economics and public policy (EPP)

Classe di laurea magistrale 56 - Scienze dell'economia

Corso di laurea magistrale attivato dall'a.a. 2019/2020

Consulta il sito WEB del corso di studio. Il corso di laurea magistrale è erogato in lingua inglese.

La preparazione iniziale degli studenti viene verificata attraverso l'analisi dei titoli e/o la somministrazione di una prova di valutazione delle competenze acquisite. L'avviso per la iscrizione al corso di studi sarà pubblicato sul sito di Ateneo nella sezione Immatricolazioni

Study plan

NEW - Bando di ammissione 2019english version

Presentazione del corso

 


Presentazione
Il Corso di laurea Magistrale in Economia e politiche pubbliche si pone l’obiettivo formativo di dare risposta all’esigenza della nostra società di figure istituzionali in grado di attuare buone politiche economiche:  dirigenti pubblici e consulenti capaci di prevedere e valutare i risultati delle politiche pubbliche sulla occupazione, sul reddito, sulla disuguaglianza, sulla povertà, sulla qualità e sul costo dei servizi pubblici, sugli altri elementi che contribuiscono a definire il benessere di una comunità.
Il Corso di Laurea Magistrale si propone, quindi,  di formare un economista esperto in politiche pubbliche.
Agli studenti vengono forniti gli strumenti per l’acquisizione di un metodo d’analisi rigoroso e versatile che permette di affrontare problemi vecchi e nuovi e di accrescere le proprie conoscenze; viene offerta l’opportunità di svolgere stage presso istituzioni pubbliche e di ricerca in Italia e all’estero, anche su temi collegati alla tesi di laurea.
Gli insegnamenti sono svolti in lingua inglese, ad eccezione di alcuni insegnamenti opzionali in lingua italiana. Ciò consente agli studenti di accrescere le proprie competenze linguistiche,  sempre più richieste sul mercato del lavoro e preziose per una eventuale prosecuzione degli studi nei dottorati economici italiani o stranieri.

Cosa si studia
Nei due anni di formazione,  si studiano la teoria economica e gli strumenti statistici, econometrici e informatici necessari per elaborare e interpretare i dati economici. Si applicano questi strumenti all’analisi di importanti problemi come la povertà, la disuguaglianza, la tutela dell’ambiente, la crescita e il ciclo economico, gli squilibri territoriali. Si impara a valutare e prevedere l’effetto delle politiche economiche sulla vita e sul benessere delle persone.
Attraverso la scelta di specifici insegnamenti offerti, si può orientare la propria formazione verso un percorso più teorico: Economia, o un percorso più applicato: Valutazione.
Il primo dà ampio spazio a temi macroeconomici, come la crescita economica, le fluttuazioni cicliche, la politica monetaria e fiscale.
Il secondo approfondisce temi microeconomici, come l’economia dell’ambiente e del territorio, le politiche regionali e le tecniche di valutazione dei programmi pubblici.

Cosa si diventa
Il laureato in Economia e politiche pubbliche può diventare un amministratore pubblico, un consulente economico della pubblica amministrazione o un ricercatore di economia negli uffici studi e nell’Università.  Può trovare lavoro negli Enti locali e nazionali, nelle imprese private di consulenza economica per la pubblica amministrazione, negli uffici studi economici e statistici di istituzioni pubbliche e private.
Può svolgere attività libero professionale come consulente nell’ambito dell’economia applicata. Può insegnare discipline economiche nelle scuole superiori. Può infine scegliere di completare la propria formazione con un master di secondo livello o un dottorato di ricerca economico. Il dottorato è necessario per accedere ai profili di carriera più qualificati: per entrare cioè negli uffici studi dei grandi organismi economici nazionali, come ISTAT e Banca d’Italia, o internazionali (OCSE, Fondo Monetario Internazionale, Banca Mondiale, BCE).

[Ultimo aggiornamento: 28/05/2019 18:38:34]